IKIGAI

JOB PROFILE DESCRIPTION, HANSEI, PERSONAL KAIZEN

Il concetto di Ikigai si riferisce al provare la sensazione di un’esistenza ricca di significato, che vale la pena di essere vissuta.

Sorprendentemente, in giapponese esiste una parola per indicare una pienezza di senso concretamente vissuta: nelle lingue europee non esiste un termine del genere.

Il concetto di ikigai affascina già soltanto per la molteplicità dei suoi significati. Semplificando leggermente, iki si potrebbe tradurre con «vivere» e gai con parole come «ragion d’essere», «senso», «scopo», «qualità», «valere la pena».

In giapponese, questi quattro caratteri dal tratto elegante si leggono  «ikigai».

Dal momento che ciascun carattere ha connotazioni complesse, il termine ikigai può abbracciare un ampio ventaglio di significati:

  • Il senso della vita.
  • Le ragioni per cui vale la pena esistere.
  • Il pensiero che ci spinge ad alzarci dal letto la mattina.
  • La gioia di fare le cose che rendono la vita degna di essere vissuta.
  • La realizzazione di sé e l’automotivazione.
  • Il fatto di sentirsi vivi.
  • La propria personale ragion d’essere.
  • La felicità e i traguardi individuali

Chi ha preso coscienza del proprio ikigai prova un sentimento di appagamento interiore, guarda alla vita lavorativa con otti­mismo e si sente carico di energia. È una persona entusiasta, motivata, dotata di una grande forza d’animo e di un’eccezionale resilienza.

Semplificando, si potrebbe affermare che l’Ikigai di ciascun individuo nel contesto aziendale in cui opera si basa sull’equilibrio di tre fondamentali tematiche:

  • Quello che la persona ama fare
  • I suoi punti di forza e le sue capacità
  • Ciò di cui l’azienda ha bisogno

Il modulo Ikigai completa e armonizza il pacchetto I Think Lean, fornendo all’individuo gli strumenti per agire su se stesso ed espandere il proprio ambito di azione, migliorando la propria capacità di instaurare e gestire relazioni efficaci, guidare team di successo, gestire lo stress e ottimizzare il tempo a disposizione in funzione di obiettivi ed energie individuali.

Obiettivi: imparare a riconoscere la propria energia e la propria potenzialità, apprendere come organizzare spazio e tempo in funzione del benessere e della salute di mente e corpo, imparare ad utilizzare efficaci strumenti per migliorare la propria vitalità sul lavoro e per aumentare e canalizzare la propria produttività personale. Divenire un perfetto attore nel contesto dei processi processi organizzativi ottimizzati e delle routine virtuose propri del Lean Management.

Siamo pronti a scoprire il nostro Ikigai?

Fase 1: Job Profile Description

In questa fase avviene la definizione del profilo di ruolo attraverso un focus sulle caratteristiche comportamentali attese dall’organizzazione in funzione dei valori, della mission e della vision aziendale, individuando precisamente i comportamenti che assumono la maggiore rilevanza per ricoprire con successo il ruolo in questione.

A questo scopo, SOGES utilizza il Persolog Personality Factor Model, un sistema di self-assessment riconosciuto a livello internazionale che contempla un’ampia gamma di strumenti basati sul modello DISC. Nello specifico, viene impiegato lo strumento del Job Perception Inventory, un questionario on-line che consente di esprimere il comportamento ideale del ruolo tenendo conto dei suoi contenuti ambientali e culturali.

Viene quindi costituito un gruppo di “analisti/compilatori” dell’Azienda con una visione orizzontale e verticale del ruolo, che, assistiti da un esperto SOGES della metodologia, compilino d’intesa tra loro il Job Perception.

L’output di questa fase è un report dettagliato che comprende la descrizione del ruolo in termini di capacità richieste (comunicative, funzionali e di self-managment), tratti comportamentali (la classifica delle capacità necessarie per l’esecuzione delle attività previste per il ruolo), percezione dei requisiti richiesti dal ruolo (direttivi, interattivi, supportivi, correttivi) e altre informazioni sul profilo di ruolo.

Job Perception Inventory


2 ore

Output: Job Profile Report

Fase 2: Hansei

La seconda fase prevede di definire il profilo comportamentale delle persone coinvolte e l’individuazione dei rispettivi punti di forza e aree di miglioramento.

A questo scopo si ricorrerà all’ausilio della metodologia DISC attraverso lo strumento del Personal Profile, un questionario on-line che, una volta compilato (occorrono circa 10 minuti), permette alle persone di fornire un’autovalutazione sul proprio stile comportamentale in ambito lavorativo.

In aggiunta al Personal Profile, verrà realizzato un Feedback 360° Assessment che ha lo scopo di:

  1. sviluppare la consapevolezza delle persone circa i propri comportamenti e il modo in cui essi vengono percepiti da superiori, colleghi e collaboratori
  2. facilitare le persone nell’individuazione di specifiche aree di sviluppo individuale e professionale
  3. favorire l’acquisizione di informazioni funzionali all’elaborazione di un piano di miglioramento
  4. dare alle persone la possibilità di assumersi la responsabilità del proprio sviluppo individuale e professionale

Entrambi gli strumenti produrranno un Report dettagliato che verrà consegnato alle persone e restituito attraverso un apposito incontro individuale.

Personal Profile Report, Feedback 360° Report

2 ore

Output: Job Profile Report

Fase 3: Personal Kaizen

La terza fase prevede un affiancamento personalizzato finalizzato alla definizione e realizzazione di un percorso di miglioramento personale per ciascuna delle persone coinvolte.

Questo avverrà attraverso lo strumento del Coaching, un metodo di sviluppo dei singoli, dei gruppi e delle organizzazioni basato sul riconoscimento, la valorizzazione e l’allenamento delle potenzialità. Lo scopo di ogni percorso di Coaching, nel quale la relazione tra Coach e Coachee assume un ruolo centrale, è il raggiungimento di obiettivi concreti, legati al miglioramento della performance e del benessere di gruppi e organizzazioni.

Il percorso si apre con un Incontro Tripartito a cui partecipano Manager, Coach e Coachee, finalizzato alla definizione degli obiettivi di lavoro. Prosegue con le sessioni individuali (della durata di 2 ore ciascuna) e termina con un incontro di Follow up finale per condividere i risultati raggiunti.

Coaching method

Da 5 a 12 incontri

Output: Abilità comportamentali sviluppate (manageriali, relazionali, organizzative)

Scopri anche tu i vantaggi del "pensare snello"!

Scrivici per capire insieme le possibilità che la metodologia I THINK LEAN può offrirti nello snellire e migliorare i processi della tua organizzazione.